martedì 29 maggio 2018

To the moon: un gioco a prova di cuori di ghiaccio



Finalmente sono tornato a parlare di videogiochi, dopo millenni a sgranocchiare libri. Questo cuore di pelo ghiacciato a volte si scioglie ed è ciò che mi è capitato mentre giocavo a To the moon.
Ideato dallo studio Freebird Games, To the moon è un videogioco fantascientifico con tinte drammatiche, ma non manca di momenti comici e le citazioni al mondo dei fumetti, degli anime e dei videogiochi. La struttura  è simile ai classici giochi anni 80/90 per nintendo, in particolare mi ha ricordato un po' Dragon Quest e Pokemon. Non fatevi ingannare dalla grafica retrò, la trama è il vero punto forte del gioco.

Un uomo, Johnny, sta morendo. Il suo ultimo,inusuale desiderio, è andare sulla luna; per esaudirlo, vengono incaricati due scienziati, Eva e Neil,  inviati dall'azienda Sigmund Corp (ehehe, il buon vecchio Sigmund Freud doveva avere una citazione, dai!). I due dovranno addentrarsi nei ricordi della vita dell’uomo, per scoprire l’origine di tale desiderio. Preparatevi pacchetti di fazzoletti (vi ho avvertito!).





Analizziamo i personaggi principali: Neil Watts ed Eva Rosalene sono due scienziati, Neil è il giullare della coppia, oltre ad essere una citazione vivente del mondo dei fumetti e degli anime.  Eva è la più riflessiva dei due ed è sempre lei a risolvere i pasticci del collega. I due quindi si completano a vicenda, pur essendo opposti, in un rapporto di botta e risposta continuo.

Johnny, il cliente del gioco, è un anziano vedovo, il cui ultimo desiderio è quello di andare sulla luna. Ciò lascerà un po’ basiti i due scienziati. In apparenza un vecchietto moribondo, Johnny dimostrerà di essere una persona che nella vita ha sofferto molto, soprattutto per la morte di due persone importanti. Johnny è l’enigma e la chiave dell’intera trama video ludica.



In conclusione, To the Moon è un visual novel, un romanzo interattivo insomma, che vi farà commuovere così come morir dal ridere.
Ed or vado a prendermi un pacchetto di fazzoletti. Sto ancora piangendo per il finale.




Posta un commento

"Lonely Souls: L'angelo della Morte" di Andrea Romanato

"Kaileena, dopo il funerale di suo zio, si mette sulle tracce dei traditori e di una delle quattro streghe responsabili del Ma...