mercoledì 8 novembre 2017

"The last guardiandian. Dermis" di Salvatore Stirparo



"Noel e Gladius sono due ragazzi che vivono a Carpian, un villaggio che racchiude la loro infanzia, i loro ricordi e tutta la loro vita. Una notte però la loro tranquillità viene interrotta dall'arrivo di un uomo incappucciato che farà di tutto per rapire la donna che più amano: Bianca. I due prenderanno strade diverse e affronteranno pericoli e insidie che vanno al di là delle loro capacità. Il coraggio, l'astuzia, il senso tattico e l'intelligenza diventano gli ingredienti principali per vincere una battaglia. I protagonisti, apparentemente inesperti all'inizio diventano degli abili guerrieri all'occorrenza fino a rappresentare elementi importanti per la fazione di appartenenza".

Benvenuti a questa nuova puntata. The last guardian è un libro dall'ambientazione particolare: è un medioevo con tinte steampunk, un po' come final fantasy, da cui l'autore ha preso molto. Abbiamo anche una certa influenza da Harry Potter, soprattutto per le tre prove che coinvolgono la selezione dei Guardiani, che ricordano un po' il torneo tre maghi.


I personaggi sono ben descritti, non sono macchiette, ed ognuno ha le sue luci e le sue ombre. Non abbiamo eroi intrepidi, ma uomini comuni pronti a tutto per difendere o conquistare ciò che amano. Pochi sono i veri innocenti in questa storia macchiata di sangue. Il libro tratta anche di temi abbastanza pesanti, come l'omicidio di un intero popolo spinto soprattutto dalla paura che gli altri avevano per quest'ultimo. Questo popolo era quello delle streghe, di cui Bianca ne fa parte.
Non vi dirò di piu.

Passiamo ai lati negativi: su alcune parti è confuso, soprattutto per quano riguarda la Lore magica. Da quel che ho capito ci sono vari tipi di magia: le streghe nascono con la magia (mentre i maschi di strega sono piu dei capitan america, non posseggono poteri, ad eccezione di Maximilian, ma lui è speciale) ma la sviluppano a pieno dopo un rituale. Il fatto che nascano con poteri spaventa la gente. Fin qui ci siamo. Anche i guardiani posseggono una specie di magia, che però ricavano dagli oggetti (anche se non mi spiego come possano vivere per secoli), poi però spunta un personaggio in grado di parlare con gli animali. Visto che non possiede un oggetto magico, sembrerebbe uno stregone, ma ne esiste solo uno, dato che il gene magico è piu femminile.
Insomma, avrei preferito una maggiore spiegazione maggiormente approfondita su questo piccolo problema.

Nel complesso The last guardian è un fantasy ibrido con tinte oscure che mi ha piacevolmente colpito. Spero che nei seguiti molti buchi ed ambuità verranno risolti.

Qui troverete il link d'acquisto.  http://amzn.to/2hnylfn







Posta un commento

Pesentazione: "Death is not the worst" di Julia Sienna ed Helena Cornell

Benvenuti,  mici ed amici, a questo favoloso blogtour, collegato ad un giveaway: dovrete seguire diverse percorsi per vincere fantas...